Clicca per visitare il sito della Presidenza nazionale in un'altra finestra

 

UNITÀ DA DIPORTO

Unità da diporto sono tutte le tipologie di scafi usati per scopi sportivi o ricreativi, dai quali esuli il fine di lucro. La 436/96 le ha definite: "ogni unità con scafo di lunghezza compresa tra i 2,5 e 24 metri, misurata secondo gli opportuni standard armonizzati, di qualunque tipo e con qualunque mezzo di propulsione, destinata a essere utilizzata per fini sportivi e ricreativi". Al di sopra dei 24 metri f.t., le unità a motore o a vela, anche se con motore ausiliario, sono navi da diporto. Fin quando non saranno definiti gli opportuni standard armonizzati europei, la lunghezza f.t. prevista dalla 498/94 è la seguente: "La lunghezza fuori tutto è la distanza, misurata in linea retta, tra il punto estremo anteriore della prora e il punto estremo posteriore della poppa, escluse le appendici come le delfiniere, il bompresso, le piattaforme poppiere, le falchette e similari". Le imbarcazioni da diporto sono tutte le unità iscritte negli appositi registri degli uffici marittimi (RID). Conseguentemente sono natanti tutte le unità esenti dall'obbligo di 'iscrizione, cioè ogni unità con lunghezza fuori tutto non superiore a m 7,50 se a motore o a m 10 se a vela, anche se con motore ausiliario, e i moto-velieri aventi lunghezza fuori tutto non superiore a m 10. Sono anche natanti le unità da ~1iporto a remi. E' bene anche ricordare che: E' unità da diporto a vela con motore ausiliario quella in cui il rapporto tra superficie in mq di tutte le vele che possono essere bordate contemporaneamente in navigazione su idonee attrezzature fisse, compresi l'eventuale fiocco Genoa e le vele di strallo (escluso lo spinnaker) e la potenza del motore in Cv o in kW è superiore rispettivamente e 2 o 2,72. (formula: mq totale vele/ potenza installata in Cv = risultato della divisione maggiore di 2 oppure mq totale vele/ potenza installata in kW = risultato della divisione maggiore di 2,75); E' motoveliero l'unità da diporto a propulsione mista, meccanica e a vela, in cui il rapporto tra superficie in mq di tutte le vele che possono essere bordate contemporaneamente in navigazione su idonee attrezzature fisse, compreso l'eventuale fiocco Genoa e le vele di strallo (con l'esclusione dello spinnaker) e la potenza del motore in Cv o in kW sia superiore o uguale rispettivamente a 1 o a 1,36 e non superiore a 2 o a 2,72. (formula: mq totale vele/ potenza installata in Cv = risultato della divisione superiore a 1 e non maggiore di 1,36 oppure mq totale vele/potenza installata in kW = risultato della divisione superiore a 2 e non maggiore di 2,72).